16 novembre 2006

crack

bene, ritorno dopo parecchio silenzio, beh che dire, come sapete se non ne sparo una sulla politica non sono contento, percui eccomi di nuovo ad esprimervi i miei pensieri.
leggendo le varie notizie, si viene a scoprire che a quanto pare, dopo un il crack della parmalat, dopo il crack cirio, ora si avvicinano quelli dell'alitalia (dato per sicuro) e quello di trenitalia (dato per prossimo).
io non so cosa dire di fronte a queste notizie, ma se lo stato perde la capacità di competere tramite le aziende strategiche, beh, c'è forse qualcosa che non va.
gli amministratori di queste aziende ovviamente però non si toccano, anzi, si spostano, gli si da una buona uscita di qualche milione di euro, e li si piazza a montecitorio o a dirigere un azienda con meno pubblicità.
in belgio quandò fallì la Sabena (compagnia aerea di bandiera), ci furono proteste popolari, però lo stato belga non intervenne, non fece spendere una lira in tasse ai cittadini, per la salvaguardia della compagnia di bandiera, eppure dalle ceneri della sabena nacque una nuova compagnia, la SN brussels airlines, che ha rilevato le principali attività dello scalo di brussels, e le strutture mobili ed immobili della sabena. i vertici cambiarono totalmente (ovviamente) ed ora, anche se ridimensionata, c'è una compagnia privata, che va... e non chiede una lira ai cittadini.
io onestamente mi sono stancato di tutte queste notizie di deviazioni di fondi pubblici per strutture private, è una corruzzione alla luce del giorno... e nessuno alza un dito, nessuno.... percui sono veramente contento di lasciare questo paese di santi poeti navigatori e ladri.... mi mancheranno i paesaggi, la famiglia e gli amici il cibo ed il bere, ma per il resto sono sicuro che entro breve, capirò di aver scelto la strada giusta.... al popolo italiano suggerisco però di darsi una svegliata... mentre litigiamo per stupidaggini, il mondo cresce, avanza... e noi... stiamo fermi... se non arretriamo.

5 Comments:

Blogger Vero said...

aiuto! Tutto vero quello che dici ma.... dove vai manuuuuuuuu???????????? M hai messo paura, ma che ci sono viaggi di sola andata in vista??? Fammi sapere dove devo venire per farti conoscere il mio pargoletto... ;-))
Smack

14:45  
Blogger emanuele said...

beh è un'idea che ho espresso da un pò.... vorrei andare in irlanda... provarci almeno.... e ripartire da li... poi magari una volta conseguiti alcuni traguardi penserei pure al ritorno in italia, ma se vedo che lo cose li vanno davvero meglio che qui, e ci starò bene.. beh allora la cosa potrebbe essere definitiva.
come si dice... per ora vediamo... un domani saprò rispondere... ma ora mi devo dare una mossa

20:16  
Blogger Vero said...

capisco perfettamente... le propspettive qui mi fanno cadere le braccia ogni giorno di più ma non posso fare a meno di ripetermi che devo fare io per prima qualcosa affinchè la situazione migliori... crederci fino in fondo almeno...ingegnarmi più di quanto abbia già fatto finora.
Questo è un Paese pieno zeppo di risorse umane che DEVONO prima o poi uscir fuori...

19:01  
Blogger il filo rosso di Cacio said...

l'Irlanda cresce, e chi ci si trova anche;
ma i problemi esistensialisti rimangono dentro di noi;
chi sa essere se stesso riesce ovunque.
la faute n'est à personne.
un abbraccio.

16:23  
Blogger il filo rosso di Cacio said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

16:23  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home


create your own visited country map or check our Venice travel guide